Dieci cose che non sai #1

Salve a voi, gente!
Sentivate, per caso, la mancanza di un articolo pieno zeppo di stupidaggini?
No? Beh, peccato per voi, perché è proprio quello che state per leggere!

A voi #DieciCuriosità riguardo a Dolce Flirt che nessuno vi rivelerà mai!
Iniziamo da una gettonatissima!

#1 × Dove sono i bagni?
Si tratta di un quesito serio: quante di voi, per saltarsi una spiegazione soporifera o per sgranchirsi le gambe, chiedono di andare in bagno? Nel Dolce Amoris non potreste farlo, perché sembra proprio che non ci sia nemmeno una misera tazza su cui appoggiare le terga.
Eppure, il nostro caro delegato scompare sul più bello ed è impossibile che non abbia certi stimoli; ne deduciamo, quindi, che un bagno, almeno uno, esiste. Ma non si trova!
E sapete perché?
Per evitare che gli alunni passino il tempo a scorrazzare nei corridoi -cosa che, puntualmente, accade- la Preside ha cambiato la struttura stessa della scuola, piazzando i bagni vicino alla Sala Professori. Capite, quindi? Dovremmo prima trovare un’altra aula inesistente prima di poter far pipì e, purtroppo, non siamo a Hogwarts, quindi gli studenti usufruiscono della serra per i propri bisogni, con la più totale approvazione di Jade che si assicura concime gratis ogni giorno!

#2 × Chi lavora realmente nel Dolce Amoris?
A parte Faraize e la Direttrice, non sembrano esserci altre figure di spicco nella scuola. Questo spiega il perché una donna di trenta/quarant’anni riesca a girare liberamente per l’istituto vestita da fata madrina di una delle Principesse Disney tutte fronzoli e come mai la dolcetta abbia tutto quel tempo libero per girovagare nella scuola senza nemmeno passare dal via.
Il problema è che lo Stato di Dolcelandia passa solo spiccioli al Liceo che è quindi costretto a ridurre il personale al limite e si capisce quindi perché Faraize sia sempre così agitato: pensate al suo stipendio, porello!
Tutto il resto del budget va in astuti scenografi e omini senza volto che spostano cartonati ogni qualvolta si clicca un cuoricino. Se vi capita di cliccare e non vedere la schermata cambiare è perché, probabilmente, queste figure si erano prese una piccola pausa. Ricordatevelo, la prossima volta che smadonnate contro il sito!
Una tesi a sostegno di ciò sono le figure senza volto e senza una reale forma umana che compaiono oltre la finestra dell’aula delegati: essi non sono stati disegnati a fallo di gioppino solo per metterci qualcuno o per spaventare le dolcette più piccole; anzi, quello è un ritratto molto fedele dei collaboratori degli scenografi che hanno voluto omaggiarli in questo modo. Che gesto carino!

#3 × A cosa serve Boris?
Domanda criptica, se pensiamo che il suo compito principale è sempre stato quello di accogliere le Dolcette al loro arrivo su Dolce Flirt. Ora che l’hanno sostituito con la HumanVersion di Dimitri, suo connazionale, che cosa è rimasto al nostro omaccione in tutù?
Ma, soprattutto, cos’aveva in mente ChiNoMiko quando ha scelto di presentare un gioco di corteggiamento virtuale mettendo come prova di flirt un tizio dalla dubbia virilità, con un fisico mozzafiato e i capelli più curati dei miei? Io mi sarei dovuta innamorare di Boris? Piuttosto gli chiederei il numero della sua estetista e parrucchiera!
Si vocifera, comunque, che sia stato spostato ad un ruolo ancora più marginale, come professore di Danza del Ventre di un corso per anziane over sessanta che si tiene ogni lunedì sera nel seminterrato della scuola.
Ah! E non dimentichiamoci che la sua parentela con Dake è un dettaglio importante per la mia sanità mentale, visto che ogni tanto quel gran bel fusto riappare. Peccato solo che con quei vestiti orrendi si vada a pensare che anche lui, come lo zio, abbia una sessualità ambigua.

#4 × Che fine ha fatto Debrah?
Sì, sto proprio parlando di quella simpaticona che ha cercato di sputtanarci davanti a tutto il Liceo. Ma dopo che l’abbiamo sfanculata come si deve, che fine ha fatto la nostra cara donnona dalla sciatica pressante?
C’è chi ipotizza che il suo pappone l’abbia rivoluta tra il benzinaio e l’incrocio con quella via piena di negozi e chi afferma di averla vista ricoverata nell’ospizio in cui stanno i loro dolci nonni, a causa dell’evidente problema alla schiena, e che stia cercando di accaparrarsi qualche vecchietto ricco e prossimo alla sepoltura. Insomma, anche dopo la figuraccia riesce a risultarmi più furba di Dolcy! Com’è possibile?!
Noi, però, abbiamo seguito le sue tracce e scoperto ciò che realmente sta facendo quella sgualdrina. L’abbiamo trovata fuori da un asilo privato, pensando che stesse per accalappiarsi qualche piccolo miliardario, ma siamo venute a sapere che, in realtà, ha messo la testa a posto. Adesso lavora come maestra della ninna nanna per questi pupattoli pieni di soldi a cui cambia addirittura il pannolino sporco. Si è pentita di ciò che ha fatto e ci ha chiesto cortesemente di porgere a chiunque la conosca le sue scuse: finalmente ha cambiato vita e si sta dedicando agli altri. Non è magnifico?!

Purtroppo no, ha cercato di rimorchiare il mio ragazzo, l’altra sera, al distributore di benzina, la zoccola.

#5 × Perché la scuola sembra composta da più edifici diversi?
Dal sottoscala che sembra uscito dalla serie “The Flintstones” al piano superiore con manifesti di propaganda alle descrizioni delle fanfiction in cui il liceo sembra un confetto in cui è stato costruito un edificio. Ma com’è che ad ogni spostamento abbiamo la sensazione di passare attraverso un portale mistico? Ottime domande poste da delle nostre utonte che ho preferito riassumere perché, di base, la risposta è sempre la stessa. E sì, ritorno alla teoria cospiratrice dei folletti senza volto e forma che spostano i cartonati. Ciò che prima non ho spiegato bene è che tra uno spostamento e l’altro c’è una sezione di spazio non controllato in cui non possiamo vedere che succede, ed è quello che è stato definito “portale dimensionale”. La scuola, in realtà, non è in un solo posto, ma in tanti mondi differenti. Come si spiegherebbe, altrimenti, che il sottoscala sia composto da menir mal levigati mentre il piano superiore può vantare un corridoio in stile scuola superiore americana?
Cartonati a parte, è ovvio come gli scenografi non siano tutti di una stessa epoca e di uno stesso luogo. La spiegazione più razionale che sono riuscita a formulare è che la Biimuv abbia cercato nelle varie epoche storiche degli artisti in grado di assecondare le loro esigenze. Purtroppo Michelangelo era intento a dipingere la Cappella Sistina, sennò ci avrebbe regalato una vista spettacolare del seminterrato. Giuro, ho letto un file tropp sigret nei server dell’azienda! Insomma, ciò spiegherebbe quasi tutto, a parte il fatto che un luogo ameno e posizionato a millanta anni prima che il gioco nascesse abbia una porta con tanto di serratura e -quello che sembrerebbe proprio essere- un vetro smerigliato. Cosa che non spiegherebbe il fatto che la dolcetta, lasciata a marcire lì sotto prima dell’audizione, non si renda conto di chi stia venendo a salvarla, però!
Misteri. Sempre misteri!

#6 × Che materie insegnano al Dolce Amoris?
Se lasciamo da parte la nuova insegnante di Chimica, trovare una risposta mi sembra un’impresa assai ardua. Nell’episodio Diciotto vediamo come Faraize, uomo senza spina dorsale né empatia, tenga dei coniglietti rinchiusi in delle scatole, magari senza buchi per l’aria, nell’aula di Scienze. Quindi si può dedurre che l’amato (di Charlie) insegnante insegni proprio quella materia. E si spiegherebbe anche come, nel decimo, noi dobbiamo dare ripetizioni di Matematica o Italiano. O era un altro episodio, non ricordo. Il punto è che l’unica materia che Faraize insegna ci porta ad essere dei supersecchioni! Ma come si spiega, allora, che nel Ventitré ci chieda una specie di relazione sull’Industrializzazione, argomento che viene poi spiegato come appartenente a Storia? Quando mai abbiamo affrontato una materia del genere in tutto l’arco del Liceo? E perché le domande al test del primo anno comprendevano minchiate come conoscere una canzone di Laura Pausini, aver giocato a “The Legend of Zelda” prima che apparisse Armin per conquistarlo, o gossip vari su cose che non interessano a nessuno? Si può dedurre che Faraize sia il classico insegnante che ha il compito di spiegare tutte le materie possibili ed immaginabili -quindi è un genio?- ad una classe di mentecatti e nullafacenti -quindi se anche non sapesse niente, nessuno se ne accorgerebbe.
Tirando le somme di tutto questo discorso, sono sicura nell’affermare che non importa quali materie si studino al Dolce Amoris, né quale sia il vero compito di Faraize all’interno dell’istituto, a parte annusare il culo alla Preside, perché tanto nessuno se ne frega quindi, se anche questo dovesse essere il Liceo più in vista di Parigi, gli alunni proprio se ne sbattono, preferendo di gran lunga scambiarsi opinioni a muzzo e senza criterio, come se, ignoranti quali sono, siano davvero in grado di formulare un pensiero razionale.

#7 × Perché Charlotte non parla?
Alla luce della risposta precedente, se ne dedurrebbe che la ragazza, oltre ad essere analfababba, sia pure terribilmente indietro con lo sviluppo cognitivo del linguaggio. Il fatto che segua Ambra ne è una prova schiacciante, ma la verità che è lei è l’unica studentessa del Dolce Amoris ad avere un QI che superi la soglia minima della normalità e che, per paura di essere presa in giro, faccia finta di niente nascondendosi dietro una che analfababba lo è e se ne vanta.
No, in realtà è giusta la prima cosa che ho detto: nessuna persona sana di mente si vestirebbe mai di verde e con quei… così osceni.
Sì, insomma, Charlotte è rimasta a quel periodo dell’infanzia in cui si pensa solo a mettere il mattoncino della fessura giusta. E non sempre ci riesce, poverina!

amour-sucre-armin-big

#8 × A cosa gioca realmente Armin?
Call of Duty, Faircry, Zelda, Pokémon? Niente di tutto questo. È vero, il nostro amato nerdaku ha e si vanta di avere una PSP, ma ciò non significa che sia l’unica piattaforma che usa per giocare. La verità scioccante sui suoi pomeriggi di gioco è che il giovane adora attaccarsi al computer e giocare proprio ad Amour Sucré! Non abbiamo ancora scoperto quale sia il suo account, ma Alexy afferma di averlo visto flirtare virtualmente con sé stesso per vedere se riusciva ad avere un LOM alto. Purtroppo per lui, le sue risposte l’hanno portato ad un feeling con la sua controparte virtuale non molto alto. La cosa sciockante è che il suo Best altri non è che il povero Kentin; quando Alexy l’ha scoperto è rimasto basito, scoppiando in lacrime e scappando di casa per qualche ora. Non solo la dolcetta, ma persino il fratello ora vuole rubargli il Love Interest!
Altra curiosità: pochi punti sotto all’ex ciospo c’è, inaspettatamente, Castiel e all’episodio Due, Armin ha scelto di far parte del club di Giardinaggio!

#9 × Come mai non ci sono variazioni climatiche nel gioco?
La risposta più semplice sarebbe “Beh, perché in Francia sono perfetti e c’è sempre il sole!” oppure “Ovvio, no? Si sono dimenticati che potrebbe anche piovere!”, ma noi di D per Dolcetta non ci abbassiamo ad accontentarci di una risposta così banale e siamo andate ad indagare nei database di Dolcelandia.
Abbiamo scoperto che, poco prima dell’apertura dei server al pubblico, un hacker ha violato il sistema, incasinando un po’ di cose, tra cui anche i disegni, andando a cancellare i capezzoli dei nostri ragazzi e aggiungendo un pizzico di acidità in più alla nostra amica Ambra. E creando in seguito anche Melody -damn hacker!
Ciò che i personaggi avvertono nel gioco è che la città, senza crisi di siccità o menate varie, va avanti in pace e serenità manco fosse Pleasantville in un clima di sole senza troppa afa. Se appare qualche nuvola in cielo è il programma installato a posteriori per evitare che qualcuno muoia sotto i raggi diretti del sole per il troppo caldo. Le nubi di pioggia si ammassano, invece, subito fuori dalla città, percorrendo una corrente circolare che le allontana da essa. Insomma, come una circonvallazione stradale!

#10 × Chi cazzo è Vicktor?!
So che ve lo state chiedendo in tante, e ho tenuto questa chicca per concludere in bellezza.
Vicktor, da manuale, è un personaggio extra il cui LOM rimane sempre fisso sullo Zero che appare tra i flirt solo se si acquista il Primo volume del manga di Amour Sucré.
Ma la vera domanda è, come sarà mai questo Vicktor? Nessuno lo sa realmente, per questo, ancora una volta, abbiamo dovuto violare gli archivi segreti della Confraternita Biimuv per scoprire qualcosa al riguardo.
Ne è uscito un solo file criptato in cui sembrano essere contenute anche varie favole Disney e bozze di questo personaggio vestito da principe.
Sembrerebbe proprio che Vicktor, così misterioso, altro non sia che il vero amore della Dolcetta, creato ad hoc dalla casa madre affinché ella possa avere il suo lieto fine.
Ma come mai, vi chiederete, non è allora stato inserito nel gioco? La risposta è presto detta: questione di Business! Voi mettereste mai altri quattro ragazzi quando siete convinte che la Dolcetta non potrà che amarne uno solo? Ed ecco perché il nostro Principe azzurro, il ragazzo perfetto, è stato tolto dai flirt, cancellato dalla faccia di AS e tenuto rinchiuso in una cella del terzo server, dietro il deposito di fanfiction spazzatura, dove nessuna ragazza ha mai osato avventurarsi.
Che il nostro lieto fine sia quindi perduto?tumblr_inline_n3vzzucT2o1rvbdhj

Precedente I come Illustrazioni #2 Successivo Click & Drag Game

3 thoughts on “Dieci cose che non sai #1

  1. Wings il said:

    Nella mia bolla di sapone prevedo che Armin nel 23 deciderà di confidarsi con se stesso e sbaglierà tenuta, perdendo l’illustrazione.

    • Gozaru, Il MalignoGozaru, Il Maligno il said:

      C’è da chiedersi se i ragazzi, viste certe tenute, apprezzerebbero o meno le scelte. Ok, loro non ci capiscono molto di moda -come me- e che quindi guarderebbero di più il vedo/non vedo e cose del genere, ma effettivamente, i completi che scegliamo sono davvero apprezzati dai ragazzi?

      Prendendo ad esempio la OS di Krees, “Ossimoro”, chi ci dice che Castiel non preferisca una tipa più tranquilla e pacata che si vesta in un modo più elegante? O Lysandre, vista la vicinanza con Castiel, non ami una più sbarazzina e sul punk? Vabbé che lui aveva una cotta per Rosalya, quindi potremmo dedurne che il ragazzotto per bene stravede prevedibilmente per le vaccone. Insomma, secondo me la cosa della tenuta è solo un modo per spendere soldi e avere un outfit preciso nelle illustrazioni. MEH.

      Però sarebbe bello vedere Armin davanti al pc che “Mh, io apprezzerei di più questa!” e poi “Mi spiace, hai perso l’illustrazione!” WHADDAF-?!?

I commenti sono chiusi.